Help Baggiani!


dimora.gif




Il calendario 2003








Elettrosmog
Cosa deve fare Baggiani?

Far crescere l'edera sul traliccio
Mettere una carica esplosiva
Assumere l'avv. Ghedini
Utilizzare il traliccio per il jumping
Vendere la casa a H3G


Current Results

Help Baggiani gadgets!
Quali di questi gadgets vorresti trovare a Natale?

Il calendario di Umberto e Alessandra
Il DVD con i video di Help Baggiani!
Il salvadanaio con la faccia di Umberto
Il plastico incendiabile
L'agenda 2003-2006
Il coltellino salta metal detector
La stress ball con la faccia di Umberto
Il poster di Umberto piccino


Current Results
Umberto Baggiani all'Elba
Ha fatto bene ad andarsene?

Si, se avessi la moto lo farei anch'io
Si, ma con veri motociclisti
No, non si lascia Antonella da sola
No, dovrebbe occuparsi della casa


Current Results

NoDialer.gif

Thursday, May 29, 2003


L'avevamo previsto

Eh si.
Nel nostro calendario avevamo già previsto,
conoscendo Umberto, che maggio sarebbe stato il mese dedicato alla moto.
Ed esattamente come lo scorso anno, puntuale come le tasse,
Umberto lascia a casa quella santa donna
dell'Alessandra (aka Antonella) e se ne va in moto.
Con l'aggravante quest'anno che abbandona anche il cantiere.

Dov'è andato stavolta?
La sua presenza (e del gruppo di motociclisti che l'accompagnano)
è stata rilevata in Umbria e in Abruzzo.
E Antonella a casa, a lavorare e a seguire il cantiere.
Superato il rischio Sars non è stato capace a rinunciare
al primo giro in moto della stagione, con la sua fida custom.
E' più forte di lui.

Intanto dal cantiere non abbiamo più notizie.
Bisognerà mandare qualcuno a controllare,
chissà cosa stanno combinando.
Almeno Antonella approfitterà per riposarsi (Umberto negli ultimi
tempi ci era apparso più stressato del solito) e
anche Umberto ricaricherà le pile.
Pronto appena torna a rituffarsi nei soliti problemi:
la scala di legno, il pavimento, i sanitari, gli infissi.
Ah, l'idea baggianica...

Monday, May 19, 2003


Report

Umberto venerdì scorso, dopo le 3 di mattina (ora del suo rientro) e prima delle 10 (ora del suo risveglio) ha subito un tentativo di furto nell'abitazione nella quale "momentaneamente" vive.
I ladri hanno smontato la serratura della porta, ma non sono riusciti ad entrare.
E Umberto non è riuscito ad uscire.
Ciò lo ha profondamente convinto della scelta di dotare la nuova casa di inferriate alle finestre.
L'effetto Alcatraz è assicurato.
Sabato Umberto e Alessandra sono stati a Spilimbergo da un artigiano che si occupa di terrazzi alla veneziana per decidere il loro pavimento.
Erano entusisti di questa persona, che verrà a vedere la casa prima di proporre qualcosa.
Nutriamo i più sinceri dubbi estetici sulla bontà di questa decisione ma, come dice Bruno Catarsi, l'idea baggianica è ormai compiuta.
Anche se non del tutto definita.
Ad esempio non c'è nessuna idea precisa sulla scala interna che convinca Umberto e Antonella.
Qualcuno comincia a definirla come "scala neurologica" per la grande quantità di neuroni finora bruciati nel vano tentativo di pensarne una.
L'unica cosa certa è che sarà di legno.
Ma con i Baggiani il limite tra certezza e incertezza è più labile di un'ala di farfalla.

Friday, May 16, 2003


Ci scrive...

Med Essaili, e volentieri postiamo:

Buongiorno
Consulente Informatico esperto Personal Computer Client Server
Reti locali e Globali, Internet, posta elettronica, Certificato Microsoft;
Ofresi inoltre una vasta conoscenza di assistenza tecnica hardware,
anche per interventi occasionale, per maggiori informazioni vedere
Curriculum Vitae : http://www.essaili.com/CurriculumV.htm
oppure contattare 348-7409383 Med
med@essaili.com
Grazie infinite...
Med Essaili

Sunday, May 11, 2003


C'è poco da illuminare

da Bruno Catarsi

Egregio Ing. Stroke,
qua c'è poco da illuminare! La passione dei Baggiani per il loro cascinale non scema e tutto il resto viene di conseguenza.
Due considerazioni però mi sembrano irrinunciabili:

- Il disegno interno può piacere o meno, ma certamente esprime una visione originale della casa e dei rapporti umani che vi si svilupperanno. Ritengo che si tratti di un'idea baggianica (un architetto, per quanto estroso, avrebbe problemi a proporre una distribuzione degli spazi tanto folle) ed ammiro il coraggio con cui è stato propugnato (o accettato) il progetto. Troppo spesso ci si adagia nell'usuale, si cede al timore di uscire dagli schemi perfino in casa propria; in definitiva si rinuncia ad un'abitazione che rispetti le nostre esigenze, le nostre passioni e, perché no, le nostre manìe.
Immagino i Baggiani che canticchiano decisi: "E questa è casa mia / e qui comando io / ecc.ecc.".

- L'uso abbondante di legno e sughero è altrettanto indicativo. Sembra incredibile, eppure la maggior parte delle persone non si cura di scegliere i materiali della propria casa né di informarsi riguardo all'eventuale tossicità degli oggetti che li circonderanno per tanti anni. I Baggiani no: legno, sughero, vecchi mattoni riclicati con pazienza certosina (una ricostruzione così non si vedeva dai tempi di Abu Simbel) e malta antica. Immagino che quest'ultima sia una miscela di pietre calcaree millesimate con sabbia di torrente himalayano. La malta, rigorosamente pesata in once, sarà impastata con acqua oligominerale e applicata con utensili di platino sulla muratura precedentemente bagnata con pennelli di tasso. Una malta per elevazione dal costo elevatissimo.

Bruno Catarsi
http://cantiere_news.blogspot.com

Wednesday, May 07, 2003


Quarantena

Dopo quattro giorni trascorsi al Mido di Milano (praticamente all'estero), appena rientrato Umberto si è recato subito in cantiere, ma lo ha trovato deserto.
E' salito fin quasi sul tetto, ma non ha trovato nessuno. Ed erano le 10 di mattina.
Poi per terra ha trovato un giornale locale dov'erano pubblicate queste foto, e ha cominciato a capire.





















Ha telefonato all'impresario che gli ha spiegato la situazione: senza mascherine gli operai non lavorano. E mascherine adeguate non se ne trovano.
Vogliono solo mascherine marcate FFP3 o almeno FFP2.
Cos? Umberto si è messo alla ricerca, girando tutti i negozi di ferramenta, i colorifici, i negozi di anti-infortunistica.
E qualcosa alla fine ha trovato.
Ecco stamattina come si sono presentati in cantiere:























E' il primo cantiere in Italia che adotta misure anti Sars.
Ora per? ne servono ancora, e Umberto non sa più dove andare a trovarle.
In ogni caso hanno interdetto ad Umberto di entrare in cantiere per almeno una settimana.
Per la cronaca, la ragazza ritratta con Umberto è arrivata da Hong Kong 4 giorni fa.
Quand'è giunta a Malpensa stava bene, ed era piuttosto su di morale, nonostante tutto.
Dopo due giorni con Baggiani, è tornata a casa stressata e con una fastidiosa gastrite.
Umberto (notate il look alla Riccardo Illy, non si era mai visto cos?) non ha fatto altro che parlarle dei problemi del suo cantiere, del fatto che non sa decidersi sulle piastrelle del bagno, che non sa come fare la scala interna, che Alessandra non vuole il caminetto, ecc.
Lei è rimasta un po' male, sperava si parlasse un po' anche dell'argomento del momento, ma Umberto non si era ancora posto il problema Sars, finché non è tornato al cantiere...

Sunday, May 04, 2003


Preoccupazione

Da giorni non abbiamo notizie di Umberto Baggiani.
Al cantiere non si è visto.
Poi abbiamo saputo che è andato qui.
E abbiamo cominciato a preoccuparci.
Umberto non ne vuol sapere delle mascherine...